Le spese del notaio quanto sono e chi le paga ?

Le persone che sono interessate all’acquisto di un immobile si fanno spesso domande sulla ripartizione delle spese di acquisto. Una di queste è quella del notaio.

Abbiamo posto a Juan Carlos Gallo direttore del gruppo immobiliare Lloyd alcuni quesiti ricorrenti.

Chi paga il costo del notaio ?

Le spese sono a carico dell’acquirente salvo convenzione contraria, per questo motivo quest’ultimo ha anche il diritto di scegliere a quale studio notarile rivolgersi per il rogito. Normalmente l’acquirente si rivolge ad un notaio di fiducia, a volte chiedono a noi dei nominativi quando non sanno a cui rivolgersi e noi indichiamo alcuni e loro li contattano per chiedere informazioni per capire quali adempimenti devono eseguire e ottenere un preventivo di spesa.

A quanto ammonta il costo del notaio?

Il decreto legge 223/2006 – cosiddetto Decreto Bersani – convertito con la legge 248/2006 ha abolito le tariffe minime e massime per i notai, equiparandoli a tutti gli altri liberi professionisti che esercitano in regime di concorrenza. Il calcolo parcella notaio in caso di compravendita di immobili diventa quindi piuttosto complicato perché dipende da molte variabili:

  • Le caratteristiche del professionista e del mercato in cui opera: la parcella del notaio può variare in base alla città, al livello di concorrenza, alla fama e al numero di clienti
  • Le caratteristiche dell’immobile: le spese notarili variano in funzione del valore della casa e del numero di proprietari

Il decreto del Ministro della Giustizia 140 del 2012 ha previsto delle tabelle professionali che offrono un riferimento per le spese notarili acquisto casa. Sarà in ogni caso il professionista ad applicare a propria totale discrezione tali parametri. Per gli atti legati all’acquisto degli immobili il decreto indica i seguenti riferimenti:
da 5.000 a 25.000 euro – valore medio: 15.000 euro – percentuale riferita al valore medio: 7,66% del valore dell’immobile – aumento fino al 16%, riduzione fino al 5,99%

  • da 25.001 euro a 500.000 euro – valore medio: 262.500 euro – percentuale riferita al valore medio: 1,078% del valore dell’immobile – aumento fino al 5,990%, riduzione fino allo 0,653%
  • da 500.001,00 euro a 1.000.000,00 euro – valore medio: 750.000,00 euro – percentuale riferita al valore medio: 0,440% del valore dell’immobile – aumento fino allo 0,653%, riduzione fino allo 0,410%;
  • da 1.000.001,00 euro a 3.500.000,00 euro – valore medio: 2.250.000,00 euro – percentuale riferita al valore medio: 0,210% del valore dell’immobile – aumento fino allo 0,410%, riduzione fino allo 0,160%
  • da 3.500.001,00 euro a 5.000.000,00 euro – valore medio: 4.250.000,00 euro – percentuale riferita al valore medio: 0,140% del valore dell’immobile – aumento fino allo 0,160%, riduzione fino allo 0,120%

Il valore di riferimento è rappresentato dal valore dell’abitazione indicato nell’atto o, laddove non sia desumibile, dal valore di mercato.
Il decreto precisa anche che
il calcolo parcella notaio può aumentare o diminuire, anche derogando alle forbici indicate nelle tabelle, in base:

  • Alla natura, difficoltà, complessità, importanza delle questioni trattate
  • All’eventuale urgenza della prestazione professionale
  • All’impegno del professionista anche in termini di tempo impiegato
  • Al pregio dell’opera prestata
  • Ai risultati e ai vantaggi, anche non economici, conseguiti dal cliente

Per avere una stima chiara di quelle che sono le spese notarili per l’acquisito di un immobile le persone devono rivolgersi al notaio per avere un preventivo chiaro e dettagliato

Che succede se l’acquirente non paga la notula del notaio ?

Il pagamento della notula viene effettuato nel momento della stipula dell’atto., se questo non avviene rischia anche il venditore. In realtà quello che avviene tra il venditore e il compratore è un accordo privato e le due parti sono responsabili in solido sia nei confronti del notaio che per l’Erario, e questi possono se l’acquirente non versa quanto dovuto, di rivolgersi all’altra parte.

I venditori devono preoccuparsi per il pagamento del notaio?

In trenta anni di attività non mi sono mai trovato in una situazione del genere e credo che sia un’eventualità rara, innanzitutto perchè la notula viene saldata al momento del rogito, secondariamente perchè il notaio cercherà in tutti i modi il saldo dall’acquirente. La cosa più importante è quello di informarsi correttamente come in ogni transazione economica, mettendo in campo le necessarie tutele.

A.R.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *