Scopri quali spese della casa puoi detrarre dal 730

Siamo arrivati al momento della dichiarazione dei redditi, molti hanno sostenuto diverse spese per la casa,   dalla ristrutturazione alla locazione.  Vi vogliamo indicare quale di queste spese sono detraibili o deducibili dal modello 730.

La prima cosa da fare è comprendere però la differenza tra le spese deducibili e quelle detraibili, le prime sono utilizzabili per diminuire le tasse da pagare, le seconde invece riducono il reddito complessivo dove calcolare l’imposta.

Provvigione per l’ intermediazione immobiliare i I compensi per i mediatori immobiliari in detrazione per il 19% che, come sostenuto nella circolare n.20 del 2011, potranno essere dedotte pro quota tra coloro che hanno sostenuto la spesa e sempre nel limite di 1.000 euro complessivi avendo cura di integrare la fattura con i nomi del coniuge per esempio nel caso in cui la spesa sia stata sostenuta da entrambi.

  • Detrazione degli interessi dei mutui passivi del 19%  19% degli interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per i mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’abitazione principale.
    Il beneficio fiscale si applica su un importo massimo di 4.000 euro.

  • Canone di Locazione per gli studenti fuori sede da portare in detrazione per il 19%: spese affitto degli studenti universitari fuori sede o dai genitori che li hanno a carico relativamente ad abitazione situate e non meno di 100 km dalla residenza e nel limite di 2.633 euro per studente tanto per i contratti di affitto o locazione quanto quelli di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative anche per i familiari a carico da portare in detrazione per il 19%;

  • Detrazione riqualificazione energetica chi esegue lavori di riqualificazione energetica ha diritto a una detrazione del 65% sulle spese sostenute. Dal 2015 è decaduto l’obbligo di inviare al Fisco la comunicazione per i lavori che proseguono per più periodi d’imposta.

  • Detrazioni bonus mobili: detrazione del 50% su una spesa massima di 10.000 euro per immobile, riconosciuta solo a chi gode della detrazione per ristrutturazione. Necessario che mobili ed elettrodomestici siano pagati con il bonifico dedicato o con carta di credito o bancomat. Sono spalmabili in dieci anni. Solo per questa dichiarazione si applica alle giovani coppie la detrazione Irpef del 50% delle spese per l’acquisto dei mobili destinati all’abitazione principale. Ricordiamo che questo bonus non è stato rinnovato nell’ultima legge di stabilità, quindi a partire dal 2017 – e per la dichiarazione dei redditi 2018 – non si applica più.

  • Detrazione ristrutturazione edilizia :è stata confermata anche per quest’anno la detrazione del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di messa in sicurezza del patrimonio edilizio

  • Acquisto immobile ristrutturato da privato: nel caso di acquisto di un appartamento ristrutturato da un privato che ha richiesto la detrazione, le rate non godute passano dal venditore all’acquirente, salvo altre intese nel rogito.

  • Cedolare secca  color che scelgono il regime alternativo della cedolare secca per dare in locazione immobili a canone concordato può usufruire, dal 2014 al 2017, di un’aliquota agevolata del 10% (anziché del 15%)

  • Immobile comprato destinato alla locazione Il Decreto Sblocca Italia con l’articolo 21 ha introdotto un’importante agevolazione per chi acquista casa da destinare all’affitto. Il contribuente che acquista un immobile a destinazione residenziale di nuova costruzione o oggetto di interventi di ristrutturazione, ha diritto a una detrazione Irpef del 20% calcolata sul prezzo di acquisto dell’immobile che risulta dall’atto di compravendita, per una spesa massima di 300 mila euro. L’agenzia delle Entrate ha realizzato una guida completa con tutte le spese e le detrazioni per il 730 2017: Puoi visionare questo link : guida alla dichiarazione dei redditi

    A.R,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *