‘L’esclusiva nell’immobiliare conviene o no?

L’incarico in esclusiva viene visto molte volte, da parte dei proprietari che vogliono vendere una casa, come una corda al collo che li lega all’agenzia immobiliare, questo perché spesso molti agenti si sentono soddisfatti di averlo ottenuto e non si preoccupano di come devono comportarsi per concludere l’affare. Molte agenzie per ottenere l’esclusiva promettono cifre irrealizzabili così all’inizio il venditore si terrà soddisfatto perchè spera di concludere presto un ottimo affare ma ben presto si renderà conto che ha firmato un contratto che gli farà perdere solo tempo importante. Molti di voi si domandano ma l’esclusiva conviene o no? Abbiamo chiesto a  Juan Carlos Gallo  uno dei direttori del Gruppo LLoyd  di parlarci del contratto in esclusiva e speriamo che possa chiarire i vostri dubbi. 

Come si comporta un’agenzia quando vuole offrire un’incarico in esclusiva?

 

“Non so se c’è un decalogo valido per tutti ; io posso dirvi come ci comportiamo noi del Gruppo LLoyd Il primo passo è sicuramente una giusta stima immobiliare. .Ci troviamo spesso di fronte a frasi tipo “Loro me l’hanno valutato di più”. Noi cerchiamo sempre di capire che tipo di valutazione gli è stata proposta e su quali parametri , anche perchè questi si devono basare su dati oggettivi e non soggettivi. Molti agenti pur di acquisire l’immobile sparano prezzi fuori dal mercato, noi siamo un gruppo che lavora da più di trentanni sul mercato e ci comportiamo con serietà e professionalità

Ai proprietari comunichiamo quali sono gli strumenti che saranno impiegati per vendere l’immobile, Gli consegniamo un programma di marketing composto da una serie di azioni mirate per pubblicizzarlo al meglio e favorire la conclusione dell’affare il prima possibile ( pubblicità cartacea, sul sito, web marketing,   cartelli, volantinaggio, etc). Noi non vendiamo promesse, tutte le nostre azioni sono monitorate e trasmesse al venditore che può seguire passo dopo passo le nostre azioni di marketing,

La durata dell’incarico, di solito è di 6 mesi rinnovabili, per lasciare lo spazio al cliente di recedere dal contratto se valuta che il nostro lavoro non ha rispettato le sue aspettative

La provvigione è quella prevista dagli usi e consuetudini del mercato immobiliare ma non è legge, .Diffidate da coloro che vi offrono questo lavoro gratis o quasi. Ci sono agenzie che sono disposte per prendere l’incarico,  a rinunciare alle provvigioni del venditore e di prenderle solo dall’acquirente , Che cosa succede se  il collega di un’altra agenzia ha il cliente per concludere l’affare? A voi la conclusione, 

Noi collaboriamo con le più importanti agenzie immobiliari del territorio, nonostante la nostra struttura disponga di un data base clienti notevole. perchè riteniamo che l’obiettivo primario sia la conclusione rapida e soddisfacente della trattativa,

La cosa più importante per un venditore è sentirsi tranquillo quando affida il suo immobile per la vendita,  e per questo motivo vi  consiglio di farlo con un’agenzia seria con validi professionisti per evitare brutte sorprese, Affidarvi ad un’ unica agenzia con un contratto di esclusiva è la scelta più lungimirante, Se poi volete affidarvi a noi, siamo a vostra disposizione. ” 

A.R.

vuoi arredare la tua casa ma non hai tempo ? prova online !

 

State cercando un modo economico per arredare casa? Vi trovare invece nella situazione di avere una buona disponibilità economica ma poco tempo per comprare? Abbiamo chiesto al interior design del gruppo LLoyd Valentina Tagliagambe di darci qualche dritta di come farlo.   “Sicuramente sarete andate a curiosare nei negozi vicini ma avete anche la possibilità di farlo tramite lo shopping online. Visto che ormai è diventato tutto a portata di click potete farlo comodamente da casa visionando le proposte più interessantì da soddisfare i vostri desideri, trovando di sicuro occasioni per risparmiare”

Home 24 Ci sono oltre 75.000 prodotti fra cui scegliere, tutti proposti a prezzi concorrenziali. Dal menu superiore si accede alle categorie tra cui mobili, illuminazione accessori, cucina e outdoor

Un altro è Ikea soluzione ideale per chi non ha disposizione un bagdet elevato e ama cambiare e arredare o decorare la propria abitazione in maniera sempre diversa.

Un sito che permette ottimi acquisti a cifre non eccessive è Bonprix, che offre la spedizione gratuita su tutti gli ordini sopra i 75 euro. Nella sezione dedicata alla casa troverete tappeti, biancheria, ma anche gli arredi da giardino che con l’arrivo dell’estate, per chi ne possiede uno, sono molto utili

Delani questo sito propone una vastissima scelta di mobili, complementi d’arredo piccoli elettrodomestici per la casa ed oggettistica di qualità, di produzione sia nazionale che internazionale, attentamente selezionati da esperti di arredamento e design.

Made.com qui troverai design di qualità viene messo alla portata di tutti, con un risparmio anche del 70%. Il catalogo è particolarmente vasto, ma grazie a una struttura organica è facile trovare l’articolo desiderato.

MUJI gli amanti dello stile orientale qui possono sentirsi soddisfatti visto l’alta gamma di prodotti presenti

Se avete passione per gli accessori originali per decorare la casa entrate a visitareLovethedesign, troverete oggetti interessanti da acquistare direttamente online, se rientrano nella cifra che avete a disposizione. Se poi dopo aver visionato, avete paura di fare degli errori o non siete sicuri delle vostre scelte, potete consultarmi  al gruppo Lloyd settore home design e pianificheremo  insieme il vostro arredamento.

A,R.

Danni ai balconi chi deve pagare ?

Il gruppo LLoyd  ha inserito al suo interno il settore ” Condominio LLoyd” che nasce dall’esperienza di oltre 30 anni  nel settore immobiliare e vuole offrirvi nel campo dell’amministrazione condominiale una realtà nuova e dinamica. Vi offriremo da questo mese dei post  per darvi una maggiore informazione se volete una consulenza o un preventivo per la gestione del vostro condominio potete contattare il gruppo LLoyd.

Ogni volta che si pone il problema sui balconi si apre sempre la discussione di chi sia l’onere della loro manutenzione, Questo è dovuto principalmente alla loro struttura che è composta da diversi elementi (piano di calpestio, soletta, frontalino, sottobalcone, intradossi, eccetera) che compiono una duplice funzione, sono una proiezione esterna dell’appartamento ma sono anche parte integrante e strutturale della facciale dello stabile e per questo un elemento sia decorativo che estetico.

La prima cosa da fare è comprendere di quale tipo di balcone stiamo trattando. I balconi aggettanti sono quelli che sporgendo dalla facciata dell’edificio costituiscono un prolungamento della corrispondente unità immobiliare e appartengono in via esclusiva al proprietario di questa. (cass. 4 luglio 2014 n,14576) I balconi incassati sono quelli che non sporgano rispetto ai muri perimetrali e restano incassati nel corpo dell’edificio.
Nell’ipotesi in cui il balcone è del tipo aggettante, pertanto, la situazione è molto chiara: il condominio, salvo il caso in cui vi siano degli elementi idonei ad incidere sul decoro architettonico, non ha nessuna competenza in merito agli interventi manutentivi. Sarà, quindi, il proprietario a dovervi provvedere nonché ad assumersi le responsabilità per i danni derivanti dalla omessa manutenzione del bene. Tuttavia, ogni qual volta si interviene su di essi, per effettuare lavori di manutenzione, occorre preliminarmente discernere la rispettiva valenza strutturale da quella estetica ornamentale – ove sussistente – al fine di individuare esattamente i criteri di riparto della spesa anche tra condòmini.

Il condominio può far intervenire la pubblica autorità (vigili urbani, vigili del fuoco etc) per la rimozione delle situazioni pericolose, è , comunque riservata la possibilità di agire per le vie giudiziali ( es com un’azione di danno temuto) per ottenere un provvedimento che obbliga il proprietario del balcone a prendere tutte le misure più idonee a sistemarlo.

Per quanto riguarda invece i balconi incassati, la soletta è in comproprietà tra il proprietario del piano superiore e quello del piano inferiore, sicché ai fini del riparto delle spese ad essa inerenti troverà applicazione l’art. 1125 c.c. Per la parte che funge da  parapetto, salvo casi particolari essendo la stessa parte integrante della facciata, le spese andranno ripartite tra tutti i condomini, quali parti di proprietà comune  (essendo di fatto delle parti di muri perimetrali). Nel caso di balcone incassato, la responsabilità per la manutenzione della parte frontale degli stessi è di competenza del condominio.

A.R.