Comprare casa è diventato più facile

L’emendamento alla Legge di Stabilità 2016 ha reso più facile la vendita di immobili comprati con le agevolazioni prima casa. Ecco cosa è cambiato.

La vendita di un immobile acquistato con i benefici prima casa  in vista dell’acquisto di una nuova proprietà da adibire a prima casa, diventa più facile. La Legge di Stabilità 2016, contiene un emendamento che cambia le regole nell’obiettivo di dare una nuova spinta al mercato immobiliare.

Cosa cambia per la vendita della prima casa ?

  • Prima dell’intervento della Legge di Stabilità 2016 in materia, per acquistare una nuova proprietà usufruendo delle agevolazioni prima casa, era obbligatorio vendere la precedente. Ora invece si ammette la possibilità di comprare la prima casa anche quando non si è ancora venduta quella vecchia, a patto di alienarla entro un anno dal nuovo rogito. Ricordiamo che i benefici prima casa consistono nell’imposta di registro al 2% del valore catastale del fabbricato o l’IVA al 4%.
  •  

L’acquisto di una prima casa quando già se ne possiede una, va inserito in una serie di misure volte a spingere la ripresa del mercato immobiliare. In primis l’abolizione della Tasi, oltre che dell’Imu, sulle abitazioni principali. Per quanto riguarda nello specifico le nuove regole della vendita di prima casa, restano fermi tutti gli altri requisiti per avere diritto alle agevolazioni

L’acquirente non deve essere proprietario (anche in comunione) di altri immobili siti nel comune in cui è ubicato l’immobile per il quale si richiedono le agevolazioni. Inoltre deve avere residenza nel comu­ne in cui si trova l’immobile da acquistare o si deve im­pegnare  a spostarla entro 18 mesi dalla data di stipula dell’atto.

Per quanto riguarda i requisiti dell’immobile prima casa invece restano escluse le abitazioni di lusso,  quelle di categoria catastale A1, A8 e A9.

A.R.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *